MIAC: Museo italiano dell’Audiovisivo e del Cinema


Nel 2015 il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo ha assegnato a Istituto Luce-Cinecittà la realizzazione del Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema (MIAC).
Situato nell’ex Laboratorio di Sviluppo e Stampa di Cinecittà, il museo conserva e valorizza il patrimonio audiovisivo e delle professioni del cinema attraverso l’impiego delle nuove tecnologie.
Costituisce un laboratorio permanente per la promozione di progetti di formazione e di scambi internazionali tra giovani professionisti di tutto il mondo. Attiva scambi con altri paesi sulla base di residenze per la specializzazione e la conoscenza delle reciproche cinematografie dal punto di vista storico, della ricerca e della sperimentazione per favorire la creazione di un cinema europeo del futuro.
Ospita percorsi sulle tecniche, i generi e i linguaggi utilizzati dalle immagini del reale e da quelle della finzione cinematografica e televisiva, sulla storia sociale e culturale dell’immagine in Italia.
Prevede un’area per l’esposizione permanente e una per le esposizioni temporanee, un laboratorio per il restauro e la lavorazione analogica delle pellicole, uno spazio per incontri, proiezioni e attività, e una bibliomediateca per la fruizione del patrimonio archivistico, bibliotecario e audio-visivo dell’Archivio Storico Luce, dal 2013 nel Registro UNESCO della Memoria del Mondo, e di altri archivi partner.